Passa ai contenuti principali

CONCESSIONI BALNEARI/ Lalli (Federturismo Confindustria): basta con la caccia alle streghe

 Secondo la Presidente di Federturismo Confindustria, un intervento sulle concessioni balneari è necessario, ma occorrono i giusti presupposti



“Sta diventando, è diventata una questione di bandiera, più che di sostanza”. Ne è convinta Marina Lalli, presidente nazionale Federturismo Confindustria, riferendosi alla nuova legge sulle concessioni balneari. Che fosse davvero tempo di un riordine del settore, però, sono convinti tutti.


È così, presidente?

Certo, non si poteva fare ancora finta di niente, dopo tutte le proroghe, i richiami europei e i mancati aggiornamenti. Qualcosa non funzionava, e bisognava assolutamente intervenire. Ma così, con la messa in gara di tutte le concessioni dall’inizio del 2024, senza paracadute e con la mancanza di adeguate tutele, si rischia di dissipare un tessuto produttivo che invece ha contribuito nel tempo a valorizzare e proteggere i nostri litorali.


Salvo a volte sfruttarli a tal punto da renderli o inaccessibili o stravolti per moltiplicare il guadagno personale…

Sì, a volte è capitato, ma si tratta pur sempre di eccezioni. Guardi, di fatto le spiagge non oggetto di concessioni quasi sempre finiscono dimenticate, diventano le peggiori, tanto che i concessionari limitrofi sono costretti a occuparsene comunque, per non degradare anche il loro tratto. La realtà è che i balneari hanno reso da sempre un servizio al Paese, facendo delle coste un’attrattiva turistica, direi la maggiore attrattiva turistica del nostro Paese.


Quindi la nuova normativa secondo lei danneggerà un patrimonio di esperienze da preservare?

Dico solo che si va a normare qualcosa che non si conosce. Uno dei presupposti per mettere mano seriamente alla materia sarebbe sapere di cosa si tratta. E invece a oggi non esiste ancora una mappatura dell’esistente, non è mai stata completata, non ci sono dati definitivi. E se si comincia così, allora lo scenario si fa inquietante anche per tutto quello che verrà dopo, perché parlando di concessioni demaniali si farà presto a passare dai litorali alla montagna, alle coste lacustri, ai porti turistici…


Le proteste che i balneari stanno portando avanti in queste settimane si basano soprattutto sul fatto che le loro imprese non sono considerate aziende e non possono quindi aspirare ai fondi del Pnrr, e che per le procedure di assegnazione non sono stati determinati i criteri di valutazione dell’avviamento e degli investimenti fatti.


È così: c’è l’incognita sull’incidenza del valore delle imprese che andranno a gara. Come dicevo, sembra un’inutile caccia alle streghe, dove pochi casi eclatanti, ai quali si potrebbe porre rapidamente rimedio, stanno infangando un settore produttivo invece sano e portatore di benessere e tutela dei territori. Si portano ad esempio della campagna denigratoria i canoni ridicoli di alcuni? Beh, in 24 ore si potrebbe cambiarli, triplicarli, decuplicarli, se questo fosse il problema.


Mentre invece…

Si va avanti a testa bassa, senza la volontà di trovare la quadra, una mediazione pur possibile tra le ragioni dei balneari, quelle degli ambientalisti e quelle di chi gestisce il bene comune, senza verità preconfezionate, ma cercando di far convergere su una posizione comune anche chi fa parte di schieramenti diversi. In gioco c’è anche la composizione delle commissioni che guideranno le gare, ed è evidente che sarà questo un argomento delicato, perché chi decide chi-cosa-come dovrà dimostrarsi davvero super partes.


Prevede quindi un intensificarsi di manifestazioni, di proteste, di rivendicazioni? Lei pensa di parteciparvi?

Pur senza scendere in piazza, Federturismo è attiva e presente in questa fase di tensioni. Gli incontri e le riunioni si susseguono senza sosta (l’altro giorno, sulla Bolkestein, Lalli ha partecipato al convegno europeo “Turismo e piano di ripresa Ue. Come sostenere uno dei settori più colpiti dalla crisi”, ndr), nonostante adesso tutta la filiera del turismo si trovi ad affrontare una nuova, gigantesca crisi, quella dell’Ucraina, tra disdette e mancati arrivi da molti Paesi. Ma continueremo a lavorare anche sul settore balneari, perché la gestione delle coste italiane è fondamentale per l’industria del turismo e l’economia nazionale.


(Alberto Beggiolini)





Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

  La cooperativa è lieta di annunciare che nei giorni giovedì 17 Marzo e giovedì 24 Marzo , dalle 15.00 alle 18.00 , presso l' hotel BELLAVISTA di Roseto , si terranno dei corsi di formazione e aggiornamento riguardanti il mondo del caffè. I corsi sono rivolti ad i titolari e ad i dipendenti degli stabilimenti balneari, campeggi ed hotel che fanno parte della COOPERATIVA BALNEATORI DI ROSETO E PINETO . I corsi sono organizzati dalla UNIVERSAL CAFFE' e si terranno in collaborazione con la MASTER COFFEE ACADEMY . Il corso che si terrà giovedì 17 Marzo è rivolto ad i soci di Pineto  Il corso che si terrà giovedì 24 Marzo ad i soci di Roseto e Cologna qualora uno sia impegnato in una delle due date può tranquillamente partecipare all'altra indipendentemente se di Roseto e Pineto. I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI  La cooperativa Balneatori a nome del direttivo ci tiene a ringraziare la ditta UNIVERSAL CAFFE' per lo sforzo economico sostenuto per organizzare i corsi.

SIAMO FORSE IN DITTATURA ?

 DRAGHI CONTRO TUTTI Per le prima volta oltre a postare un articolo mi permetto di entrare più nel merito della questione facendo alcune considerazioni personali su quello che c'è scritto nel ritaglio di giornale pubblicato qui sopra. Io personalmente ho sempre avuto la sensazione che in realtà non stiamo combattendo contro la politica Italiana, o almeno solo con una parte di essa, la sensazione e che più che altro stiamo combattendo contro un solo uomo, il sig. Draghi , che in questi giorni si sta facendo portatore degli interessi dell'Europa, fregandosene completamente di quelli che sono gli iter che solitamente portano all'approvazione di qualunque provvedimento che riguardi il nostro paese. Questo concetto risulta ancora più palese in quella che è la nostra situazione, vedasi decisione consiglio di stato e vari tentativi alla chetichella, di far approvare l'emendamento sulla riforma del settore, che avrebbe definitivamente messo la pietra tombale sulla nostra categ

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

Grande successo dell'iniziativa organizzata dall' Universal caffè presso l' Hotel Bellavista di Roseto. Il corso rivolto alle strutture appartenenti alla cooperativa Balneatori di Roseto e Pineto , e tenuto dai maestri della Master coffee Academy , ha avuto l'obbiettivo di dare a tutti gli operatori baristi dei cenni fondamentali sul mondo della caffetteria. Dalla storia del caffè, fino alla sua diffusione nel mondo, dalle regole fondamentali per ottenere un espresso di qualità fino a quelle per utilizzare in modo adeguato gli attrezzi e gli strumenti del mestiere. Il direttivo della cooperativa ci tiene a ringraziare l' Universal caffè ed in particolare il sig. Franco Pomponio che hanno dimostrato ancora una volta la loro vicinanza ai soci della stessa. Un ringraziamento particolare anche ai titolari dell 'hotel Bellavista che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare il corso.

-------------Partner cooperativa---------------------

-------------Partner cooperativa---------------------
Passione cinquant'anni in un chicco Profuma di casa e di terre lontane; è ospitalità, gentilezza, amicizia. E' famiglia. La storia di una famiglia che i suoi cinquant'anni li raccoglie e li sviluppa in un chicco di caffè.

-----------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------
Gelati - Ristorazione - Fast food Algida nasce nell'immediato dopoguerra. Il primo prodotto venuto alla luce era un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.