Passa ai contenuti principali

LOBBY Concessioni spiagge, Legambiente e Touring: “Dal governo buona proposta”. Assobalneari: “Diamo battaglia. Questione strumentalizzata”


di F. Q. | 16 FEBBRAIO 2022

Mentre i balneari promettono battaglia, Legambiente, che nel suo annuale rapporto Spiagge passa in rassegna tutte le criticità dell’attuale sistema delle concessioni, promuove l’emendamento varato martedì all’unanimità dal consiglio dei ministri e la previsione di gare a partire dal 2024 sebbene con tutele per piccole imprese e attuali titolari. “Finalmente una proposta che punta su qualità, sostenibilità e accessibilità delle nostre spiagge”, commenta insieme al Touring club italiano. “Una buona proposta che permette finalmente di ragionare del futuro delle spiagge italiane. Le misure contenute nella proposta rappresentano un importante passo in avanti perché consentono finalmente di avere maggiore trasparenza sull’annosa questione delle concessioni balneari nel nostro Paese, fissando dei paletti chiari”.

Ora sarà “importante aprire un confronto sui decreti attuativi, per definire i criteri più efficaci per il raggiungimento delle finalità dichiarate”. La situazione italiana – ricordano Legambiente e Touring club – “rimane tutt’oggi un’anomalia nel panorama europeo, a causa di una pressoché totale assenza di spiagge libere in diversi territori costieri, con i casi limite di Emilia-Romagna, Liguria e Campania, dove si registra quasi il 70% dei lidi occupati da stabilimenti balneari”. Per non parlare dei canoni, ovunque bassi e “vergognosi” in alcune località di turismo di lusso come la Costa Smeralda o la Versilia. Ora sarà "importante aprire un confronto sui decreti attuativi, per definire i criteri più efficaci per il raggiungimento delle finalità dichiarate", commentano le associazioni. La lobby di settore dice di voler "portare la questione anche in Europa", nonostante lo stop alle proroghe senza gara sia stato deciso proprio per evitare una procedura di infrazione Mentre i balneari promettono battaglia, Legambiente, che nel suo annuale rapporto Spiagge passa in rassegna tutte le criticità dell’attuale sistema delle concessioni, promuove l’emendamento varato martedì all’unanimità dal consiglio dei ministri e la previsione di gare a partire dal 2024 sebbene con tutele per piccole imprese e attuali titolari. “Finalmente una proposta che punta su qualità, sostenibilità e accessibilità delle nostre spiagge”, commenta insieme al Touring club italiano. “Una buona proposta che permette finalmente di ragionare del futuro delle spiagge italiane. Le misure contenute nella proposta rappresentano un importante passo in avanti perché consentono finalmente di avere maggiore trasparenza sull’annosa questione delle concessioni balneari nel nostro Paese, fissando dei paletti chiari”. Ora sarà “importante aprire un confronto sui decreti attuativi, per definire i criteri più efficaci per il raggiungimento delle finalità dichiarate”. La situazione italiana – ricordano Legambiente e Touring club – “rimane tutt’oggi un’anomalia nel panorama europeo, a causa di una pressoché totale assenza di spiagge libere in diversi territori costieri, con i casi limite di Emilia-Romagna, Liguria e Campania, dove si registra quasi il 70% dei lidi occupati da stabilimenti balneari”. Per non parlare dei canoni, ovunque bassi e “vergognosi” in alcune località di turismo di lusso come la Costa Smeralda o la Versilia. Assobalneari la vede ovviamente in modo opposto e sostiene di voler “portare il livello della questione anche in Europa”, nonostante lo stop alle proroghe senza gara sia stato deciso proprio per evitare una procedura di infrazione. “Daremo battaglia”, fa sapere Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari Italia-associazione imprenditori turistici balneari. “Qui si ragiona in base e in nome della direttiva Servizi, però noi non siamo concessionari di servizi, perché l’oggetto della nostra concessione è una superficie, perciò si riceve in concessione un bene, non un servizio”. Secondo la lobby del comparto “tutta la questione dei balneari è stata strumentalizzata facendola passare per un’operazione di giustizia sociale. Cosa c’entra parlare del prezzo degli ombrelloni o dire che i canoni sono bassi. I canoni li stabilisce il governo con le tariffe e come mai in questo provvedimento non vengono aggiornati se questo era il problema? Ci dicono che a fronte di canoni bassi guadagniamo tanto, però il canone non viene stabilito dai balneari, ma dallo Stato. Ci viene dato un fazzoletto di terra, aria, mare e sole e se come imprenditore sono capace a far fiorire l’azienda, guadagnando molto di più rispetto al mio vicino, pagherò più imposte allo Stato”. Nel suo ultimo rapporto Legambiente ha deprecato “l’incredibile assenza di dati aggiornati e dettagliati sui canoni pagati per l’utilizzo di beni di proprietà del demanio statale”, commentando: “Sembra quasi che non interessi al Ministero dell’Economia valorizzare al meglio e in modo trasparente i beni dello Stato, con le opportune differenze tra canoni in aree di turismo ricco e invece in aree più periferiche”. Gli ultimi dati disponibili sulle entrate dello Stato sono del 2019: l’ammontare è pari a 115 milioni, di cui solo 83 però effettivamente riscossi. E risultano ancora da versare 235 milioni di euro di canoni non pagati dal 2007. Gli importi dei canoni sono stabiliti per legge e l’ultimo aggiornamento è di 15 anni fa. Nel 2020 le 59 concessioni balneari del comune di Arzachena, nella Costa Smeralda, hanno versato allo Stato in tutto un canone di 19mila euro l’anno. Una media di circa 322 euro ciascuna l’anno. A fronte dei 400 euro giornalieri richiesti per un ombrellone con 2 lettini all’Hotel Romazzino di Porto Cervo.

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

  La cooperativa è lieta di annunciare che nei giorni giovedì 17 Marzo e giovedì 24 Marzo , dalle 15.00 alle 18.00 , presso l' hotel BELLAVISTA di Roseto , si terranno dei corsi di formazione e aggiornamento riguardanti il mondo del caffè. I corsi sono rivolti ad i titolari e ad i dipendenti degli stabilimenti balneari, campeggi ed hotel che fanno parte della COOPERATIVA BALNEATORI DI ROSETO E PINETO . I corsi sono organizzati dalla UNIVERSAL CAFFE' e si terranno in collaborazione con la MASTER COFFEE ACADEMY . Il corso che si terrà giovedì 17 Marzo è rivolto ad i soci di Pineto  Il corso che si terrà giovedì 24 Marzo ad i soci di Roseto e Cologna qualora uno sia impegnato in una delle due date può tranquillamente partecipare all'altra indipendentemente se di Roseto e Pineto. I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI  La cooperativa Balneatori a nome del direttivo ci tiene a ringraziare la ditta UNIVERSAL CAFFE' per lo sforzo economico sostenuto per organizzare i corsi.

SIAMO FORSE IN DITTATURA ?

 DRAGHI CONTRO TUTTI Per le prima volta oltre a postare un articolo mi permetto di entrare più nel merito della questione facendo alcune considerazioni personali su quello che c'è scritto nel ritaglio di giornale pubblicato qui sopra. Io personalmente ho sempre avuto la sensazione che in realtà non stiamo combattendo contro la politica Italiana, o almeno solo con una parte di essa, la sensazione e che più che altro stiamo combattendo contro un solo uomo, il sig. Draghi , che in questi giorni si sta facendo portatore degli interessi dell'Europa, fregandosene completamente di quelli che sono gli iter che solitamente portano all'approvazione di qualunque provvedimento che riguardi il nostro paese. Questo concetto risulta ancora più palese in quella che è la nostra situazione, vedasi decisione consiglio di stato e vari tentativi alla chetichella, di far approvare l'emendamento sulla riforma del settore, che avrebbe definitivamente messo la pietra tombale sulla nostra categ

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

Grande successo dell'iniziativa organizzata dall' Universal caffè presso l' Hotel Bellavista di Roseto. Il corso rivolto alle strutture appartenenti alla cooperativa Balneatori di Roseto e Pineto , e tenuto dai maestri della Master coffee Academy , ha avuto l'obbiettivo di dare a tutti gli operatori baristi dei cenni fondamentali sul mondo della caffetteria. Dalla storia del caffè, fino alla sua diffusione nel mondo, dalle regole fondamentali per ottenere un espresso di qualità fino a quelle per utilizzare in modo adeguato gli attrezzi e gli strumenti del mestiere. Il direttivo della cooperativa ci tiene a ringraziare l' Universal caffè ed in particolare il sig. Franco Pomponio che hanno dimostrato ancora una volta la loro vicinanza ai soci della stessa. Un ringraziamento particolare anche ai titolari dell 'hotel Bellavista che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare il corso.

-------------Partner cooperativa---------------------

-------------Partner cooperativa---------------------
Passione cinquant'anni in un chicco Profuma di casa e di terre lontane; è ospitalità, gentilezza, amicizia. E' famiglia. La storia di una famiglia che i suoi cinquant'anni li raccoglie e li sviluppa in un chicco di caffè.

-----------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------
Gelati - Ristorazione - Fast food Algida nasce nell'immediato dopoguerra. Il primo prodotto venuto alla luce era un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.