Passa ai contenuti principali

LOBBY Concessioni balneari, riunione a Chigi con Giorgetti e Garavaglia. Poi Draghi promette “una proposta che tuteli il settore”

 



LOBBY

Concessioni balneari, riunione a Chigi con Giorgetti e Garavaglia. Poi Draghi promette “una proposta che tuteli il settore”

Concessioni balneari, riunione a Chigi con Giorgetti e Garavaglia. Poi Draghi promette “una proposta che tuteli il settore”

Il premier mette la faccia sul dossier. Ma alla fine sembra passare la linea della Lega, secondo cui il settore va protetto "rispetto alla procedura d’infrazione annunciata dalla commissione europea". E nonostante una sentenza del Consiglio di Stato che limita le proroghe al dicembre 2023. Il capodelegazione dei 5 Stelle Patuanelli: "Le gare devono essere fatte", il Movimento "lo chiede da anni". Nel 2018 però ha appoggiato la scelta sostenuta dalla Lega di prorogare lo status quo fino al 2034 rinviando di 15 anni l'applicazione della Bolkestein




Non proprio l’atteso cambio di passo. A tre mesi dalla decisione di non toccare il nodo delle concessioni balneari nel ddl Concorrenza il premier Mario Draghi mette la faccia sul dossier. Riunendo a Chigi il sottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli, il titolare del Turismo Massimo Garavaglia e lo stesso Giorgetti, collegato in videoconferenza perché positivo al Covid. Ma l’esito dell’incontro, nonostante la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato la proroga al 2034 e gli appelli della Commissione Ue a intervenire prima possibile per conformarsi al diritto europeo, è tutt’altro che una svolta. “L’impegno condiviso è di arrivare a una proposta che tuteli il settore e che tenga conto delle varie complessità emerse”, recita la nota finale. “Nei prossimi giorni avranno luogo incontri tecnici, con le categorie e le regioni per affinare una proposta condivisa a tutela del settore, rispetto alla procedura d’infrazione già annunciata dalla Commissione”, aggiunge il titolare del Mise, che aveva invitato i balneari direttamente a Chigi (alla fine hanno dovuto accontentarsi di una riunione “interlocutoria” del tavolo tecnico al ministero del Turismo).



PUBBLICITÀ


A prima vista sembra una mezza vittoria della Lega, che – insieme a Forza Italia e FdI – è contraria alla messa a gara e alla sottomissione a quelli che considera diktat di Bruxelles. E infatti esprime apprezzamento per un incontro “interlocutorio e costruttivo, alla ricerca di una soluzione il più condivisa possibile nell’interesse dei balneari ed evitare prese di posizioni strumentali e ideologiche”. Prima della riunione Gian Marco Centinaio, capo dipartimento Agricoltura e Turismo della Lega, aveva annunciato la presentazione di una proposta del Carroccio e avvertendo: “Forse c’è qualcuno che sta lavorando per affossare un settore che conta in Italia migliaia di piccole e medie imprese, spesso a gestione familiare. Anziché perder tempo in polemiche inutili i Cinque Stelle farebbero bene a occuparsi di problemi concreti”.


Centinaio rispondeva alle dichiarazioni del “suo” ministro, il capodelegazione M5S al governo Stefano Patuanelli, secondo cui “le gare devono essere fatte, come Movimento lo chiediamo da anni. Massimo supporto al presidente Draghi su questo”. Posizione a dire il vero opposta a quella tenuta nel 2018, quando il M5s ha appoggiato la scelta sostenuta dalla Lega di prorogare lo status quo fino al 2034 rinviando di 15 anni l’applicazione della direttiva Bolkestein. Per poi propugnare, salvo ripensarci in extremis, una sanatoria sui contenziosi amministrativi in corso. Dopo l’apertura di una procedura di infrazione di europea nei confronti dell’Italia, e tanto più dopo che il Consiglio di Stato ha sancito che le attuali concessioni potranno continuare fino al 31 dicembre 2023. il vento è ovviamente cambiato e anche i parlamentari M5s più vicini al comparto ritengono le gare non rinviabili, pur con diversi distinguo sulla tutela degli investimenti fatti. Il presidente di Assobalneari Fabrizio Licordari si dice stupito e incredulo “perché le affermazioni rilasciate alla stampa dal ministro pentastellato stridono e vanno in totale contrasto con quella che è stata la posizione sostenuta dal governo Conte 2, di cui lo stesso Patuanelli era ministro per lo sviluppo economico, e perciò non poteva non sapere: nella risposta del 4 febbraio 2021 resa alla Commissione europea da parte dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte, e di cui Patuanelli era ministro, vengono sostenute con fermezza e coerenza le posizioni a difesa e tutela delle imprese italiane che operano sul demanio marittimo ai fini turistico ricreativi”.



A fine dicembre Giorgetti e Garavaglia avevano rinviato ogni decisione annunciando direttamente ai concessionari la creazione di un tavolo tecnico per “definire rapidamente una soluzione condivisa“. Confederazioni e sindacati del comparto avevano annunciato di essere pronti a “indicare propri tecnici per il confronto normativo”. Come dire che intendevano partecipare in prima persona alla stesura della riforma. E sta accadendo proprio questo. Al tavolo ci saranno anche le Regioni, che lunedì, in un documento firmato dagli assessori al demanio, hanno chiesto al governo di essere “convocate subito, insieme alle associazioni di categoria”, per “provvedere immediatamente a una riforma del comparto demaniale marittimo che ponga fine ad anni di incertezze e contenziosi legali”. Per gli enti locali è “inaccettabile e non più tollerabile che l’esecutivo continui a escludere i territori, quindi Regioni e Comuni, da un confronto su un tema che necessita rapidità e condivisione”.

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

  La cooperativa è lieta di annunciare che nei giorni giovedì 17 Marzo e giovedì 24 Marzo , dalle 15.00 alle 18.00 , presso l' hotel BELLAVISTA di Roseto , si terranno dei corsi di formazione e aggiornamento riguardanti il mondo del caffè. I corsi sono rivolti ad i titolari e ad i dipendenti degli stabilimenti balneari, campeggi ed hotel che fanno parte della COOPERATIVA BALNEATORI DI ROSETO E PINETO . I corsi sono organizzati dalla UNIVERSAL CAFFE' e si terranno in collaborazione con la MASTER COFFEE ACADEMY . Il corso che si terrà giovedì 17 Marzo è rivolto ad i soci di Pineto  Il corso che si terrà giovedì 24 Marzo ad i soci di Roseto e Cologna qualora uno sia impegnato in una delle due date può tranquillamente partecipare all'altra indipendentemente se di Roseto e Pineto. I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI  La cooperativa Balneatori a nome del direttivo ci tiene a ringraziare la ditta UNIVERSAL CAFFE' per lo sforzo economico sostenuto per organizzare i corsi.

SIAMO FORSE IN DITTATURA ?

 DRAGHI CONTRO TUTTI Per le prima volta oltre a postare un articolo mi permetto di entrare più nel merito della questione facendo alcune considerazioni personali su quello che c'è scritto nel ritaglio di giornale pubblicato qui sopra. Io personalmente ho sempre avuto la sensazione che in realtà non stiamo combattendo contro la politica Italiana, o almeno solo con una parte di essa, la sensazione e che più che altro stiamo combattendo contro un solo uomo, il sig. Draghi , che in questi giorni si sta facendo portatore degli interessi dell'Europa, fregandosene completamente di quelli che sono gli iter che solitamente portano all'approvazione di qualunque provvedimento che riguardi il nostro paese. Questo concetto risulta ancora più palese in quella che è la nostra situazione, vedasi decisione consiglio di stato e vari tentativi alla chetichella, di far approvare l'emendamento sulla riforma del settore, che avrebbe definitivamente messo la pietra tombale sulla nostra categ

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

Grande successo dell'iniziativa organizzata dall' Universal caffè presso l' Hotel Bellavista di Roseto. Il corso rivolto alle strutture appartenenti alla cooperativa Balneatori di Roseto e Pineto , e tenuto dai maestri della Master coffee Academy , ha avuto l'obbiettivo di dare a tutti gli operatori baristi dei cenni fondamentali sul mondo della caffetteria. Dalla storia del caffè, fino alla sua diffusione nel mondo, dalle regole fondamentali per ottenere un espresso di qualità fino a quelle per utilizzare in modo adeguato gli attrezzi e gli strumenti del mestiere. Il direttivo della cooperativa ci tiene a ringraziare l' Universal caffè ed in particolare il sig. Franco Pomponio che hanno dimostrato ancora una volta la loro vicinanza ai soci della stessa. Un ringraziamento particolare anche ai titolari dell 'hotel Bellavista che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare il corso.

-------------Partner cooperativa---------------------

-------------Partner cooperativa---------------------
Passione cinquant'anni in un chicco Profuma di casa e di terre lontane; è ospitalità, gentilezza, amicizia. E' famiglia. La storia di una famiglia che i suoi cinquant'anni li raccoglie e li sviluppa in un chicco di caffè.

-----------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------
Gelati - Ristorazione - Fast food Algida nasce nell'immediato dopoguerra. Il primo prodotto venuto alla luce era un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.