Passa ai contenuti principali

Furia Draghi: "Pronto a farmi da parte"

 Governo ko in aula, premier contro i partiti: «Così non si va avanti»

Adalberto Signore




Il nuovo corso post-Quirinale prende forma in quel di Bruxelles. Dove Draghi si limita a restare solo poche ore, il tempo necessario a partecipare al Consiglio europeo straordinario sull'Ucraina. Rinuncia, invece, al vertice Ue-Unione Africana, chiedendo a Macron la cortesia di leggere il suo intervento durante la tavola rotonda prevista per il pomeriggio. Un'assenza inattesa, decisa ieri mattina dopo che la maggioranza ha ballato in Parlamento fino alle 4.30 di mattina. Perché alla Camera il governo è andato sotto ben quattro volte sul Milleproroghe durante le votazioni delle commissioni congiunte Affari costituzionali e Bilancio. Con tanto di rissa sfiorata in piena notte tra il leghista Iezzi e il dem Pagano, non propriamente in sintonia su alcuni emendamenti. È servito l'intervento del ministro D'Incà per evitare che la situazione degenerasse. Un episodio, certo, ma che racconta il clima che si respira in un Parlamento sempre più sfilacciato e lontano dal governo. È in questo quadro che Draghi decide di rientrare al più presto a Roma. E mette nero su bianco quello che è un netto cambio di approccio rispetto al passato. La conferma che il voto sul Quirinale ha segnato un vero e proprio spartiacque. Il premier, infatti, non è più disponibile ad alcun tipo di mediazione. Certamente, non lascerà che i partiti lo consumino in Parlamento, rimettendo mano ad intese già siglate in Consiglio dei ministri. L'ex numero uno della Bce, però, non vuole limitarsi a mandare un segnale di fumo. E sceglie di chiarire quanto più apertamente possibile la sua posizione. Così, appena atterrato a Roma, si presenta al Quirinale per un faccia a faccia con Mattarella. Draghi mette al corrente il capo dello Stato dei suoi molti dubbi sulla tenuta della maggioranza. «Se i partiti non sono in grado di garantire i loro voti in Parlamento - è il senso del ragionamento del premier - è evidente che non si va avanti». Considerazioni che l'ex Bce ha intenzione di fare direttamente con i capidelegazione di maggioranza, una modalità d'azione che Mattarella condivide in pieno. La riunione si tiene alle 18.30 a Palazzo Chigi. Ci sono Giorgetti (Lega), Gelmini (Forza Italia), Patuanelli (M5s), Orlando (Pd), Speranza (Leu) e Bonetti (Iv). E tutti assistono allo sfogo di un Draghi mai così tranchant. «Se è cambiato qualcosa basta dirlo. Se questo governo non va più bene ai partiti e al Parlamento, allora- è il senso esplicito delle parole del premier - trovatevene un altro». Un altolà netto, deciso. Perché se Draghi evoca esplicitamente la fine del suo governo è chiaro che il passo successivo sono la crisi e le elezioni anticipate. D'altra parte, l'ex Bce non nasconde la sua irritazione. Se in Cdm si decide una cosa e poi il Parlamento è incontrollabile e rimette tutto in discussione solo perché i partiti devono mettere qualche bandierina (vedi riforma fiscale e questione catasto), allora «trovatevi un altro governo». Draghi, insomma, non è disponibile a «scaldare la sedia». Anzi, è deciso a drammatizzare il messaggio. Che, non a caso, manda ai partiti proprio nel giorno in cui l'Europa si confronta a Bruxelles sui venti di guerra tra Mosca e Kiev. Il senso è chiaro: c'è la crisi in Ucraina e il rischio di un ulteriore aumento del costo dell'energia, se in questo contesto i partiti non sono in grado di dar seguito ai loro impegni si accomodino e aprano la crisi. Un ragionamento che non fa una piega. Ma che, fanno notare sia Gelmini che Giorgetti, andrebbe «condiviso» anche con i leader dei partiti. Perché, non è un mistero, i capidelegazione non sempre rappresentano la linea del partito di appartenenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

  La cooperativa è lieta di annunciare che nei giorni giovedì 17 Marzo e giovedì 24 Marzo , dalle 15.00 alle 18.00 , presso l' hotel BELLAVISTA di Roseto , si terranno dei corsi di formazione e aggiornamento riguardanti il mondo del caffè. I corsi sono rivolti ad i titolari e ad i dipendenti degli stabilimenti balneari, campeggi ed hotel che fanno parte della COOPERATIVA BALNEATORI DI ROSETO E PINETO . I corsi sono organizzati dalla UNIVERSAL CAFFE' e si terranno in collaborazione con la MASTER COFFEE ACADEMY . Il corso che si terrà giovedì 17 Marzo è rivolto ad i soci di Pineto  Il corso che si terrà giovedì 24 Marzo ad i soci di Roseto e Cologna qualora uno sia impegnato in una delle due date può tranquillamente partecipare all'altra indipendentemente se di Roseto e Pineto. I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI  La cooperativa Balneatori a nome del direttivo ci tiene a ringraziare la ditta UNIVERSAL CAFFE' per lo sforzo economico sostenuto per organizzare i corsi.

SIAMO FORSE IN DITTATURA ?

 DRAGHI CONTRO TUTTI Per le prima volta oltre a postare un articolo mi permetto di entrare più nel merito della questione facendo alcune considerazioni personali su quello che c'è scritto nel ritaglio di giornale pubblicato qui sopra. Io personalmente ho sempre avuto la sensazione che in realtà non stiamo combattendo contro la politica Italiana, o almeno solo con una parte di essa, la sensazione e che più che altro stiamo combattendo contro un solo uomo, il sig. Draghi , che in questi giorni si sta facendo portatore degli interessi dell'Europa, fregandosene completamente di quelli che sono gli iter che solitamente portano all'approvazione di qualunque provvedimento che riguardi il nostro paese. Questo concetto risulta ancora più palese in quella che è la nostra situazione, vedasi decisione consiglio di stato e vari tentativi alla chetichella, di far approvare l'emendamento sulla riforma del settore, che avrebbe definitivamente messo la pietra tombale sulla nostra categ

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

Grande successo dell'iniziativa organizzata dall' Universal caffè presso l' Hotel Bellavista di Roseto. Il corso rivolto alle strutture appartenenti alla cooperativa Balneatori di Roseto e Pineto , e tenuto dai maestri della Master coffee Academy , ha avuto l'obbiettivo di dare a tutti gli operatori baristi dei cenni fondamentali sul mondo della caffetteria. Dalla storia del caffè, fino alla sua diffusione nel mondo, dalle regole fondamentali per ottenere un espresso di qualità fino a quelle per utilizzare in modo adeguato gli attrezzi e gli strumenti del mestiere. Il direttivo della cooperativa ci tiene a ringraziare l' Universal caffè ed in particolare il sig. Franco Pomponio che hanno dimostrato ancora una volta la loro vicinanza ai soci della stessa. Un ringraziamento particolare anche ai titolari dell 'hotel Bellavista che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare il corso.

-------------Partner cooperativa---------------------

-------------Partner cooperativa---------------------
Passione cinquant'anni in un chicco Profuma di casa e di terre lontane; è ospitalità, gentilezza, amicizia. E' famiglia. La storia di una famiglia che i suoi cinquant'anni li raccoglie e li sviluppa in un chicco di caffè.

-----------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------
Gelati - Ristorazione - Fast food Algida nasce nell'immediato dopoguerra. Il primo prodotto venuto alla luce era un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.