Passa ai contenuti principali

Concessioni Balneari, Vanni: “bisogna tutelare le imprese del settore”

 E dopo il via libera nell’Aula della Camera alla mozione di maggioranza sulle concessioni balneari, molti sono i proprietari pronti a scendere in piazza a protestare per chiedere maggiori sicurezze. Anche Mauro Vanni, Presidente di Confartigianato Imprese Demaniali, alla trasmissione Pomeriggio con Noi, con Debora Carletti e Francesco Acchiardi ribadisce come il concetto di sicurezza e certezza siano alla base di ogni mentalità imprenditoriale e siano quindi gli elementi fondamentali per fare impresa.


“Non ci può essere impresa se non c’è certezza. È quello che noi chiediamo da anni. La questione delle concessioni demaniali è un argomento che si trascina dal 2006 e purtroppo tutti i governi che si sono succeduti non hanno trovato una soluzione seria e definitiva. Ora il governo Draghi ha preso in mano la situazione, anche un po’ costretto dalla condizione Europea, e ha definito termini e condizioni”.


 


Concessioni balneari. Un’istantanea della bozza

“Rispetto a come erano partite le forze in campo, dopo la sentenza del Consiglio di Stato, temevamo veramente in una situazione drammatica. Sono le stesse imprese balneari che hanno creato questo tipo di turismo basato sull’eccellenza. Il nostro sistema viene copiato ovunque nel mondo, poiché le nostre attività dal piccolo hanno creato tante grandi realtà. Dando uno sguardo anche alla bozza, questa realtà è stata rispetta. Fondamentale è il passaggio in cui si evince che ci sarà una sorta di riconoscimento del lavoro svolto dei ‘vecchi’ concessionari da parte dei nuovi, nel momento del cambio. Non si parla solo dell’investimento fatto per modernizzare o comprare l’immobile. Si tratta del valore intero dell’impresa con annesso avviamento e know how del progetto. In più va riconosciuto il valore della professionalità”.


 


Il Consiglio dei Ministri ha dato l’indicazione politica.

Ora le due camere del Parlamento con soggetti istituiti dallo stesso dovranno lavorare sulla legge delega. Percependo, però, la volontà politica del Consiglio dei Ministri. “Adesso il lavoro sindacale sarà proprio questo. Seguire i lavori parlamentari perché nella legge delega venga rispettato il volere del Consiglio dei Ministri.


 


DEBORA CARLETTI

Il problema si percuote tanto sui proprietari degli stabilimenti tanto sui lavoratori

“Noi abbiamo investito il patrimonio delle nostre famiglie in dei progetti in cui crediamo e sui cui ci siamo impegnati, ogni giorno, per crescere e dare il massimo dei servizi. Ora, c’è da considerare una cosa. Il fazzoletto di sabbia su cui sono insediate le nostre imprese è del demanio dello Stato, ma l’impresa che c’è sopra è nostra, di nostra proprietà. Questo è il valore che deve essere riconosciuto a tutte le aziende italiane. Non ci può essere una legge che da un giorno all’altro decida che un’azienda debba chiudere. Quindi prima di tutto bisogna tutelare le imprese esistenti, sempre però con un occhio nel rispetto delle norme europee sulla libera concorrenza”.


 


Investimento continuo, se si guarda anche al futuro

“Se lo Stato protegge le sue imprese, queste continueranno ad investire oggi ma anche in futuro. Quel settore che ora è un’eccellenza morirà se non si difende e salvaguarda. L’Italia perderà una fetta importantissima della proprio PIL. Considerate che il PIL del turismo nella bilancia nazionale è il 14%. Il 50% di questo 14% è dato dal turismo balneare. Pensate che danno economico potrebbe essere per l’Italia se si perdesse il valore che migliaia di famiglie sudando tutti i giorni su quel pezzo di sabbia hanno creato in tanti anni.


Lei teme l’arrivo di imprenditori stranieri, di grandi multinazionali?

“Tutto è possibile. Dipende da come verrà scritta la legge delega e come saranno i decreti attuativi. Io penso che nell’interesse dell’Italia ci debba essere la premiabilità per quelle piccole-medie imprese a gestione familiare che hanno creato il turismo balneare italiano. Le grandi imprese possono venire anche a fare grandi investimenti ma dell’accoglienza turistica non gli interessa niente. A loro interessa l’immagine, a loro interessa l’investimento. Quindi bisogna stare attenti che la legge non prenda la direzione sbagliata perché il Consiglio dei Ministri ha dato delle indicazioni precise”.

Commenti

Post popolari in questo blog

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

  La cooperativa è lieta di annunciare che nei giorni giovedì 17 Marzo e giovedì 24 Marzo , dalle 15.00 alle 18.00 , presso l' hotel BELLAVISTA di Roseto , si terranno dei corsi di formazione e aggiornamento riguardanti il mondo del caffè. I corsi sono rivolti ad i titolari e ad i dipendenti degli stabilimenti balneari, campeggi ed hotel che fanno parte della COOPERATIVA BALNEATORI DI ROSETO E PINETO . I corsi sono organizzati dalla UNIVERSAL CAFFE' e si terranno in collaborazione con la MASTER COFFEE ACADEMY . Il corso che si terrà giovedì 17 Marzo è rivolto ad i soci di Pineto  Il corso che si terrà giovedì 24 Marzo ad i soci di Roseto e Cologna qualora uno sia impegnato in una delle due date può tranquillamente partecipare all'altra indipendentemente se di Roseto e Pineto. I CORSI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI  La cooperativa Balneatori a nome del direttivo ci tiene a ringraziare la ditta UNIVERSAL CAFFE' per lo sforzo economico sostenuto per organizzare i corsi.

SIAMO FORSE IN DITTATURA ?

 DRAGHI CONTRO TUTTI Per le prima volta oltre a postare un articolo mi permetto di entrare più nel merito della questione facendo alcune considerazioni personali su quello che c'è scritto nel ritaglio di giornale pubblicato qui sopra. Io personalmente ho sempre avuto la sensazione che in realtà non stiamo combattendo contro la politica Italiana, o almeno solo con una parte di essa, la sensazione e che più che altro stiamo combattendo contro un solo uomo, il sig. Draghi , che in questi giorni si sta facendo portatore degli interessi dell'Europa, fregandosene completamente di quelli che sono gli iter che solitamente portano all'approvazione di qualunque provvedimento che riguardi il nostro paese. Questo concetto risulta ancora più palese in quella che è la nostra situazione, vedasi decisione consiglio di stato e vari tentativi alla chetichella, di far approvare l'emendamento sulla riforma del settore, che avrebbe definitivamente messo la pietra tombale sulla nostra categ

CORSO DI FORMAZIONE UNIVERSAL CAFFE'

Grande successo dell'iniziativa organizzata dall' Universal caffè presso l' Hotel Bellavista di Roseto. Il corso rivolto alle strutture appartenenti alla cooperativa Balneatori di Roseto e Pineto , e tenuto dai maestri della Master coffee Academy , ha avuto l'obbiettivo di dare a tutti gli operatori baristi dei cenni fondamentali sul mondo della caffetteria. Dalla storia del caffè, fino alla sua diffusione nel mondo, dalle regole fondamentali per ottenere un espresso di qualità fino a quelle per utilizzare in modo adeguato gli attrezzi e gli strumenti del mestiere. Il direttivo della cooperativa ci tiene a ringraziare l' Universal caffè ed in particolare il sig. Franco Pomponio che hanno dimostrato ancora una volta la loro vicinanza ai soci della stessa. Un ringraziamento particolare anche ai titolari dell 'hotel Bellavista che hanno messo a disposizione i propri locali per ospitare il corso.

-------------Partner cooperativa---------------------

-------------Partner cooperativa---------------------
Passione cinquant'anni in un chicco Profuma di casa e di terre lontane; è ospitalità, gentilezza, amicizia. E' famiglia. La storia di una famiglia che i suoi cinquant'anni li raccoglie e li sviluppa in un chicco di caffè.

-----------------------------------------------------------------------

-----------------------------------------------------------------------
Gelati - Ristorazione - Fast food Algida nasce nell'immediato dopoguerra. Il primo prodotto venuto alla luce era un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.