Passa ai contenuti principali

Post

Balneari, Foti (FdI): “Avviato dialogo con Ue su esclusione Bolkestein” Fonte: MondoBalneare.com

Post recenti

Balneari, Musumeci: “No a lobby straniere al posto di attuali imprese” Fonte: MondoBalneare.com

 Ma il ministro del mare afferma di non avere ancora ricevuto la delega per occuparsi della riforma delle concessioni Fonte: MondoBalneare.com Quello delle concessioni balneari «è un tema che non abbiamo ancora affrontato, formalmente la delega non mi è neanche arrivata». Lo ha affermato il ministro per le politiche del mare Nello Musumeci all’agenzia di stampa Adnkronos, rispondendo a una domanda sulla riforma del demanio marittimo. Nei giorni scorsi Musumeci era stato indicato come possibile ministro delegato a completare il riordino del settore.  CONTINUA LETTURA

Detassazione mance: cosa cambierà per i lavoratori del settore turistico-alberghiero

 Tassazione agevolata per le somme erogate a titolo di liberalità dai clienti, anche tramite mezzi di pagamento elettronici, ai lavoratori delle strutture ricettive e degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande: ristoranti, bar, sale da ballo e da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari. Lo prevede il disegno di legge di Bilancio 2023. A partire dal prossimo anno, le mance erogate ai lavoratori di questi settori saranno soggette a una imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali pari al 5%, entro il limite del 25% del reddito percepito nell’anno per le relative prestazioni di lavoro. Quali sono i limiti al beneficio fiscale? Con il duplice intento di incrementare il reddito dei lavoratori del comparto turistico-alberghiero e di incentivare i clienti a lasciare una mancia al momento del pagamento, il disegno di legge di Bilancio 2023 detassa le somme erogate a titolo di liberalità dai clienti ai prestatori del servizio.

Fregene, stabilimenti distrutti dalla mareggiata. Il racconto dei balneari: «È stato l'inferno, il vento ha strappato via il tetto»

 «Il lavoro di una vita distrutto in una notte».  Malko Sequi, titolare dello stabilimento La Nave, riassume così l'incubo del 23 novembre. Era lì, nel suo ristorante, quando una mareggiata record con onde di oltre 4 metri si è abbattuta sul litorale di Fregene Nord travolgendo stabilmenti e lidi. A niente sono servite le barriere installate dai privati, sotto la furia del maltempo è crollato il tetto del ristorante La Vela, mentre a La Nave sono andate distrutte un centinaio di cabine. Secondo una prima stima, i danni superano i 500mila euro.  CONTINUA LETTURA

Settore balneare: finita l’estate, che si fa?

Cosa succede quando a settembre, dopo circa 5 mesi di attività, si chiudono gli ombrelloni in spiaggia? Terminano i contratti e ai lavoratori viene riconosciuta la Naspi stagionale CONTINUA LETTURA

La norma Iso 13009 può aiutare i balneari Fonte: MondoBalneare.com

 Com’è noto, il settore delle concessioni balneari si trova in fase di riordino e a questo proposito si sta parlando molto della norma Iso 13009 “Turismo e servizi connessi. Requisiti e raccomandazioni per il funzionamento della spiaggia”. Si tratta di uno standard internazionale specifico per gli stabilimenti balneari, che riguarda il riconoscimento del valore, della professionalità e della qualità dei servizi e dell’offerta. La certificazione Iso 13009, che viene rilasciata a tutte le imprese di spiaggia che rispettano gli standard previsti dalla norma, è un adempimento volontario, ma chi lo ottiene può avere numerosi vantaggi, sia come singolo imprenditore che a livello di categoria. Fonte: MondoBalneare.com CONTINUA LETTURA

"No alla Bolkestein" Lettera di Ricci al presidente Meloni

 il presidente dell’ITB Giuseppe Ricci, ha scritto una lettera al presidente del consiglio Giorgia Meloni. "Il turismo balneare è leader nell’economia italiana, ma oggi ha bisogno di una buona politica di sviluppo e non di quella politica inefficace e traballante che abbiamo avuto dal 2006, anno della nascita della Bolkstein che tanti CONTINUA LETTURA